Il libro “Alle donne piace soffrire?”

copertina libro

Alle donne piace soffrire? La domanda sorge spontanea quando si passano in rassegna tutte le torture quotidiane che la donna occidentale s’infligge per raggiungere la sospirata bellezza: la “cura” del suo corpo richiede tempo, denaro e tanto dolore, come conferma la popolarità dell’adagio «chi bella vuole apparire un poco deve soffrire». Il racconto ironico e meticoloso delle crudeltà auto-inflitte mette a fuoco gli stereotipi estetici e rincorre lo sfuggente concetto di “femminilità”, che non appartiene più al corpo e alla mente della donna ma è piuttosto un prodotto che si può mettere nel carrello della spesa, indossare all’occasione, e poi togliere la sera con batuffolo di cotone. Nonostante i traguardi raggiunti in Occidente nella parità tra i sessi, quello estetico è purtroppo ancora l’aspetto fondante l’autostima della donna: una base piuttosto barcollante sulla quale edificare la fiducia in sé stessa. Non manca un excursus sulle dolorose pratiche estetiche nel resto mondo, talune delle quali oltrepassano il concetto di bellezza “femminile” per sconfinare in vere e proprie violazioni dei diritti umani. Alle donne piace soffrire? propone con ironia una originale interpretazione dei meccanismi di controllo delle donne, e di come questi nuociano all’intera Umanità.

Il primo capitolo “Come ci siamo fottuti il Paradiso Terrestre” lo trovate QUI.

Recensioni del libro QUI.

Il libro è stato aggiornato nell’aprile 2019 con nuove sconcertanti torture alle quali le donne si sottopongono (o si sono sottoposte) per aumentare il loro valore di mercato: la nuova edizione è disponibile su Amazon in versione cartacea e digitale. Ci arrivate subito cliccando sul widget della copertina del libro oppure QUI.